Antiope

Nome greco Antiope

Parentela e origine del mito Secondo Omero figlia del fiume Asopo, secondo altre fonti figlia di Nitteo,re di Tebe

Attività e caratteristiche Come figlia di Asopo è una Ninfa, secondo altri è una creatura mortale

Miti correlati Anfione e Zeto, i gemelli figli di Antiope, riconquistano Tebe, munendola delle famose mura

Ninfa o essere mortale di straordinaria bellezza, Antiope è solitamente raffigurata mentre giace addormentata nel folto del bosco.

Il testi classici riportano solo brevi accenni alla figura Idi Antiope. Omero nell’Odissea narra come la Ninfa, figlia del fiume Asopo, si vanti di “aver dormito tra le braccia di Zeus” e di aver generato due gemelli, Anfione e Zeto. Tuttavia, Omero non accenna alla trasformazione del re dell’Olimpo in Satiro, forma assunta dal dio per unirsi ad Antiope secondo la tradizione attestata invece nelle Metamorfosi di Ovidio. I gemelli nati dall’unione di Giove e Antiope vengono abbandonati e sono allevati da pastori. Quando però, ormai grandi, vengono a conoscenza della loro vera identità, marciano contro Tebe, dove Antiope è tenuta prigioniera dal re Lieo, e vendicano la madre.

Pur non occupando un posto di rilievo nelle fonti antiche, il mito di Giove e Antiope ha riscosso un discreto successo tra gli artisti di epoche diverse, che probabilmente si ispirarono a questo tema per definire il modello del nudo femminile in posizione giacente. La raffigurazione di Antiope più comune è infatti quella della giovane addormentata, distesa nel bosco, mentre Giove in veste di Satiro le si avvicina o le scosta dolcemente la veste. Accanto ad Antiope appare talvolta Amore con l’arco e la faretra.

Share
Tags: ,

Comments are closed.