Ich Kämpfe (Io combatto) – ottava parte

[ prima parte ] [ seconda parte ] [ terza parte ] [ quarta parte ] [ quinta parte ] [ sesta parte ] [ settima parte ]

Lo stile di vita nazionalsocialista
Dr. W. Groß, leader dell’ufficio politico razziale del NSDAP

Il Nazionalsocialismo quale movimento politico avrà raggiunto il suo scopo quando il Reich avrà infine ottenuto la sua giusta posizione tra le altre nazioni. Il Nazionalsocialismo quale Weltanschauung avrà completato la sua missione storica, solo quando prevarrà fra tutte le classi in Germania e unirà quindi la Nazione in una nuova entità. La realizzazione politica del Nazionalsocialismo sarà stata raggiunta in un Reich potente e un nuovo ordine di spazio vitale. La Weltanschauung nazionalsocialista, deve comunque materializzarsi nell’atteggiamento e negli stili di vita della nostra nazione e dei suoi abitanti.
Nella Germania nazionalsocialista, la vita sarà molto diversa da quella di una volta, mentre molti valori eterni del nostro passato storico rimarranno validi per il futuro. In alcuni campi, tuttavia, l’atteggiamento prevalente della vita tedesca dovrà essere significativamente diversa dagli stili di vita tradizionali a causa della nuova Weltanschauung trionfante! La Weltanschauung nazionalsocialista e i suoi effetti pratici sullo stile di vita tedesco si basano su due pilastri:
Da un lato, alla personalità è data la possibilità di dispiegarsi e l’individuo riceve una formazione che è pressoché perfetta. D’altra parte, l’individuo è pronto a contribuire al benessere della comunità. Questi sono i due poli che generano il potenziale produttivo della Germania nazionalsocialista.
Sviluppare e modellare la sua capacità rende l’individuo felice e cosciente, e così facendo si raggiunge il presupposto per la nazione di ricevere i suoi sforzi genuini che sono del più grande valore per la comunità. Soltanto questi sforzi per la comunità aggiungono significato e in ultimo nobilitano la personalità individuale e il suo sviluppo. In tempi nefasti, la personalità e la comunità divennero opposti, ma per noi sono un totale accordo armonico in cui le singole corde di una vita sana suonano insieme.
Per un nazionalsocialista tedesco la nota-chiave della vita è la felicità e la gioia di vivere. Non parliamo qui di un atteggiamento piatto e superficiale che non conosce la vita o tenta di evitare la profondità gravità e le pene della vita. È piuttosto l’atteggiamento e lo spirito di un uomo forte e sano per il quale la vita stessa è gioiosa e piena di bellezza; proprio come il bambino non gravato dalle difficoltà che ama allegramente la sua esistenza. Per l’uomo che cresce e matura sempre più alle prese con gli ostacoli e le difficoltà, i periodi duri e ardui della vita significano soltanto una possibilità per lui di dimostrare la sua potenza e lo lasciano con un’esistenza elevata e una sensazione di gioia interiore. Pertanto, il modo di vita nazionalsocialista afferma tutto ciò che aumenta la felicità. Il nostro approccio alla vita esclude solo tutte le influenze distruttive e degradanti: l’abuso di risorse fisiche e mentali, la riduzione delle capacità individuali attraverso un consumo folle di droghe stimolanti ed eccitanti, il negligente pericolo per la salute dell’individuo e della vita, che appartengono non solo all’individuo, ma anche alla nazione. Qualunque cosa generi forza e felicità è buona, e quindi si richiede dal nuovo stile di vita tedesco nello stesso modo che tutte le influenze distruttive e corruttrici, sia che influenzino la nazione oppure l’individuo, vengano escluse.
L’affermazione di cui sopra è valida per entrambi i lati della nostra esistenza: per il corpo e il suo sviluppo, nonché per la mente e l’anima. Un corpo addestrato e potentemente controllato sta ugualmente nello sport intelligente di una mente matura e nelle elevate capacità di pensiero in una grande varietà di esperienze in cose spirituali e nel campo delle arti. Entrambe le parti sono unite nell’essere umano pienamente e completamente sviluppato, e solo quel tipo di uomo è adeguato per servire il futuro della nostra nazione.
In entrambi i campi, fisico e mentale, l’individuo è limitato nelle sue possibilità e disposto verso alcune abilità speciali. Molto prima che la nostra coscienza si risvegli siamo già determinati in questo caso dalle inesorabili leggi dell’ereditarietà. A queste leggi dobbiamo tutte le variazioni e le differenze tra gli individui così come la ricchezza abbondante di talenti e abilità nella comunità della nostra nazione. È per questo che lo stile di vita nazionalsocialista non offre il fantasma illusorio di un egualitarismo desolato, o norme obbligatorie per tutti. L’ideale nazionalsocialista non è una moda stupida e non un tipo standardizzato di uomo. Al contrario, il nostro obiettivo è una varietà di personalità individuali, tutti educati e addestrati secondo i loro talenti. Solo questa varietà garantisce un’armonia che eleva l’individuo e dà alla nazione il potere storico e la bellezza. [ continua…]  [ nona parte ]

Share

Comments are closed.