6 novembre 1937: Protocollo Anticomintern

PROTOCOLLO ANTICOMINTERN SOTTOSCRITTO DA ITALIA, GERMANIA E GIAPPONE

Roma, 6 Novembre 1937

Il Governo Italiano, il Governo del Reich Tedesco e il Governo Imperiale del Giappone,

Considerando che il Comunismo Internazionale mette costantemente in pericolo la pace e l’ordine del mondo Occidentale ed Orientale,

Considerando che solo una stretta collaborazione che miri al mantenimento della pace e dell’ordine potrà rimuovere tale pericolo,

Considerando che l’Italia – la quale con l’avvento del Regime Fascista ha combattuto con inflessibile determinazione quel pericolo liberando il proprio territorio dal Comunismo Internazionale – ha deciso di allinearsi contro il comune nemico insieme alla Germania ed al Giappone animate anch’esse dalla stessa determinazione nel difendersi dal Comunismo Internazionale,

In conformità a quanto disposto dall’Articolo 2 dell’Accordo contro il Comunismo Internazionale sottoscritto da Germania e Giappone il 25 Novembre 1936 a Berlino, concordano quanto segue:

Articolo I

L’Italia aderisce all’Accordo contro il Comunismo Internazionale e al relativo Protocollo Supplementare, entrambi sottoscritti dal Giappone e dalla Germania il 25 Novembre 1936 e il cui testo viene allegato al presente Protocollo.

Articolo II

Le tre Potenze firmatarie del presente Protocollo concordano sulla decisione di considerare l’Italia quale firmataria dell’Accordo e del relativo Protocollo Supplementare citati nel precedente Articolo I. La firma del presente Accordo ha valore equivalente a quella apposta al testo originale del suddetto Accordo e relativo Protocollo Supplementare.

Articolo III

Il presente Protocollo costituirà parte integrante del sopracitato Accordo e del relativo Protocollo Supplementare.

Articolo IV

Il presente Protocollo viene redatto in Italiano, Giapponese e Tedesco. Le tre versioni hanno eguale carattere di autenticità. Esso entrerà in vigore alla data in cui verrà sottoscritto.

Ciano
von Ribbentrop
Hotta

Share

Comments are closed.