BERKANA / BERKANAN

rune_23BERKANA / BERKANAN
“betulla” (forse “ramo di betulla”); a. isl. bjòrk; a. ingl. beorc, birce (nome di runa, “la betulla”); a. irl. bergann; lat. farnus, fraxinus’, sscr. bhurjah da i.e. BHER- che indica contemporaneamente “altezza” (cfr. a. ted. bor “altezza”; sscr. brhàyati, “accresce”) e “splendore” (cfr. a. isl. brimi, “fuoco”; got. bairths, “chiaro”; sscr. bbrasate, “fiammeggia”).

Dalla stessa radice i.e. discende l’a. isl. bjarga, “aiutare”, cfr. a.a.t. bergan; ted. bergen, “portare in salvo”. Dalla stessa radice deriva l’a. isl. ber a, “generare” – che rimanda alla funzione delle dee Freyja e Frigg associate idealmente al segno runico in questione – e derivano anche brim, “mare” e brimo, “suono del mare”.runa3

Dalla radice BHER- deriva, inoltre, l’a. isl. bersi; ags. bera, “orso”.

Il Sigrdrìfomàl, str. 9, chiama le rune che alleviano il dolore alle partorienti bjargrùnar, “rune di soccorso”. Si può però anche supporre che il termine derivi da una forma primitiva bjórkrùnar, “rune di betulla”.

L’albero della betulla – o per meglio dire lo spirito arboreo che abita nella betulla – compare, in molte parti d’Europa, nei riti di fecondità.

berkana729È ben conosciuta la connessione profonda tra lo spirito vegetale che risiede nell’albero ed il parto. Ci limitiamo a citare ad esempio l’usanza svedese dell’albero-custode (tiglio, frassino od olmo) piantato nelle vicinanze della casa e considerato sacro. Le donne incinte abbracciavano l’albero per propiziarsi un facile parto.

Nell’alfabeto ogamico la betulla corrisponde alla prima lettera dell’alfabeto: beth e al fonema b, nonché al solstizio d’inverno. In diverse parti d’Europa verghe di betulla sono usate per scacciare lo spirito dell’anno vecchio e per battere delinquenti e, soprattutto, lunatici. Si ritiene che la betulla scacci gli spiriti malefici. Le verghe dei fasci portati dai littori romani erano di legno di betulla.

Presso i Celti la betulla (scorza o assicelle) era usata per la divinazione e ritenuta albero fausto.

Share
Tags: ,

Comments are closed.