Walther Wüst

In occasione del genetliaco di Walter Wüst una breve scheda.

Walther Wüst (* 7. Maggio 1901 a Kaiserslautern; † 21. Marzo 1993 a Monaco). Professore e Rettore dell’Università di Monaco, Presidente della Forschungsgemeinschaft Ahnenerbe, SS-Standartenführer.

Walther Wüst parla il 10 Marzo 1937 davanti alle SS sul libro Mein Kampf

Walther Wüst parla il 10 Marzo 1937 davanti alle SS sul libro Mein Kampf

Walther Wüst, figlio di un Oberlehrer (insegnante di liceo) di religione protestante, era nato il 7 maggio 1901 nella città di Kaiserslautern (Palatinato) e fin da ragazzo aveva manifestato tutte quelle inclinazioni e quegli interessi che lo avrebbero fatto diventare, in seguito, una vera autorità nel campo della disciplina indogermanistica. Iscrittosi dopo il liceo all’Università Ludwig-Maximilian di Monaco, sotto la tutela di un brillante studioso di indologia, Wilhelm Geiger, si distinse particolarmente per un approfondito studio delle religioni comparate, per la comprensione del sanscrito, per studi di antropologia e geografia, per una spiccata capacità di interpretazione dei testi vedici e delle connessioni archeologiche con l’origine, la distribuzione e la ricerca delle antiche popolazioni in Europa e in Asia. Si era laureato nel 1923 con la tesi-dissertazione Der Schaltsatz im Rigweda (Una visione temporale dei Rigveda). Aveva poi ottenuto l’abilitazione alla docenza universitaria all’età di 25 anni con la tesi Stilgeschichte und Chronologisches des Rigweda (Storia stilistica e cronologia degli inni del Rigveda). Ottenuta una cattedra alla Università Ludvig-Maximilian nel 1926, si era sposato un anno dopo. Dal 1927 al 1930 la sua fama universitaria crebbe, in particolare grazie ai suoi studi sulla filologia sanscrita e sul persiano antico.

Fino a quel momento però non si era iscritto al Partito nazionalsocialista, come invece avevano fatto alcuni suoi colleghi: era diventato un professore conosciuto, anche se molto giovane, esclusivamente per le sue capacità, senza particolari favoritismi. Dopo la presa definitiva del potere da parte di Adolf Hitler nel 1933, non perse ulteriore tempo e si iscrisse allo NSDAP (tessera n. 3208696).

Non c’erano dubbi che in quel periodo le Schutzstaffel potessero offrire come nessuna altra organizzazione dello NSDAP delle possibilità per fare carriera sia a livello politico che a livello universitario. E probabilmente Wüst, che era un uomo ambizioso, vedeva la pura carriera universitaria troppo angusta per le sue esigenze, mentre voleva avere anche un potere reale in campo politico, vicino a Himmler.

L’occasione definitiva per collaborare con Himmler all’Ahnenerbe si presentò infine dopo che il 9 novembre 1936 fu deciso di creare il Persönlicher Stab RFSS (lo Stato Maggiore personale di Himmler), così che la Società per l’Eredità degli antenati tedeschi venne posta direttamente sotto il controllo delle SS di Himmler.

Da qui gli incontri con il Reichsführer, la perfetta intesa tra i due e il successivo passaggio di Wüst alla Presidenza dell’Ahnenerbe in sostituzione di Herman Wirth, collocato momentaneamente come Presidente onorario nel febbraio del 1937.

Dio che tutto conosce guida i primi raggi,

così che ognuno può vedere il Sole.

Allora le stelle insieme all’oscurità della notte recedono,

prima che tutti vedano il Dio Sole.

Il suo presagio, i raggi, sono diventati visibili

tra gli uomini, brillando come il fuoco.

Alzatevi, generazioni umane, giratevi verso Dio,

verso l’Uomo, verso il mondo intero,

così che tutti possano guardare il Sole.

(Wüst Walther, «SS Leitheft», nn. 11 e 12, 1943)

Share

Comments are closed.