Trattati sui tre scopi

L’uomo, la cui vita può raggiungere i cent’anni, deve suddividere il suo tempo e dedicarsi ai tre scopi della vita, … in modo che non si danneggino l’un l’altro” (Kamasutra, I, 2, 1).

Coppia e scena di danza, particolare di fregio del tempio di Vishnu Dashavatara, 500 circa, da Deogarh (Urtar Pradesh), New Delhi, National Museum.

Coppia e scena di danza, particolare di fregio del tempio di Vishnu Dashavatara, 500 circa, da Deogarh (Urtar Pradesh), New Delhi, National Museum.

Trattati sui tre scopi

Religione e giustizia (dharma), profitto (artha), soddisfazione del desiderio (kama) sono i tre scopi della vita terrena consacrati dalla dottrina brahmanica: numerosi testi si occupano di illustrarne la realizzazione, e tre, ciascuno per il suo ambito, conquistano per vari motivi speciale autorità. Il Manavadharmashastra (alla lettera, “Codice sul dharma di Manu”), chiamato anche Manusmriti, “Tradizione di Manu”, dove Manu è una sorta di grande patriarca dell’umanità, risale presumibilmente ai primi secoli dopo Cristo; redatto in facili strofe metriche (shloka), comprende un’esauriente trattazione della dottrina degli stadi della vita, nella quale è ampiamente sviluppata la centralità del ruolo del capofamiglia. Il più antico e celebre testo sull’artha è l’Arthashastra attribuito a Kautilya, chiamato anche Kautalya o Chanakya, leggendario ministro del re Chandragupta Maurya (fine del IV secolo a.C), sebbene molti studiosi non accettino una datazione così remota. Quest’opera è indirizzata specificamente alla figura del sovrano, in una concezione dello stato fortemente centralizzata: l’idea sottesa è che l’artha sia lo scopo primario del re, dal cui comportamento dipende il benessere di tutta la popolazione. Sul kama il testo fondamentale è il Kamasutra di Vatsyayana, come l’Arthashastra in prosa, e il più antico – risale probabilmente al III secolo – a essere giunto fino a noi sull’argomento. Prezioso documento sulla società dell’epoca, ricco di pagine di acuta psicologia, a differenza della trattatistica brahmanica in generale il Kamasutra appare, almeno in certe sue sezioni, rivolto direttamente anche a un pubblico femminile.

Approfondimenti

li primo traduttore delle Leggi dì Manu in una lingua europea fu William Jones (1746-1794), presidente inaugurale della Asiatic Society of Bengal e figura basilare nella storia della linguistica comparata. Nella cattedrale di St. Paul a Londra una statua lo ritrae chino su un grande volume che rappresenta, appunto, la sua traduzione del trattato di Manu.

Sir William Jones, 1832.

Sir William Jones, 1832.

Share

Comments are closed.