Come li hanno “liberati”

Un articolo interessante che analizza pratiche attuali di “liberazione”… COME LI HANNO “LIBERATI” Il mondialismo all’assalto della Romania La Romania entra nel GATT, nel FMI e nel BIRD. Tra il 1967 e il 1968, alcuni passi intrapresi dal governo romeno gettarono le basi per un cambiamento significativo nei rapporti di Bucarest con Washington.  Infatti nel 1967 la Romania mostrò la…

Share
Continue Reading »

Homo Oeconomicus

Dalla collana “Contra” della Settimo Sigillo proponiamo un estratto da Homo Oeconomicus L’economia politica è la scienza della ricchezza. Sennonché andrebbero errati i suoi fautori se pretendessero che l’umana felicità sia riposta particolarmente nell’ottenimento di quella. Giacché, come chi scrive ha procurato di esporre in un’altra sua opera1, la ricchezza non è in grado di determinare logicamente la felicità, essendo…

Share
Continue Reading »

La finanza e il potere

Tratto dall’opera di Joaquim Bochaca intitolato LA FINANZA E IL POTERE edito dalla casa editrice Ar “che cosa è lo sfondare una banca, di fronte al fondare una banca” Bertold Brecht ……..l’utilizzazione del sistema giuridico esistente mira a isolare il potere di proprietà, d’impresa. Le grandi compagnie, diventando multinazionali, sono obbligate a praticare metodi di money management fraudolenti rispetto alle…

Share
Continue Reading »

Valuta, Lavoro e Decadenze (quarta e ultima parte)

L’ERRORE L’errore è stato la danarolatria, cioè il fare della moneta un Dio. Questo fu dovuto alla snaturizzazione cioè all’aver fatto della nostra moneta una rappresentanza falsa, dandole poteri che non doveva possedere. L’oro dura, ma non si moltiplica da sé nemmeno se mettete insieme due pezzi d’oro uno in forma di gallina e l’altro in forma di gallo. È…

Share
Continue Reading »

Valuta, Lavoro e Decadenze (terza parte)

IL PERNO Tutto il commercio passa attraverso alla moneta. Tutta l’industria passa attraverso alla moneta. La moneta è il perno. È il mezzo termine. Sta nel mezzo fra industria e operai. Può darsi che l’uomo puramente economico non esista, ma il fattore economico, nel problema della vita, esiste. Vivendo di frasi, e perdendo il senso delle parole, si perde «il…

Share
Continue Reading »

Valuta, Lavoro e Decadenze (seconda parte)

LA MODA DELL’UTOPIA Il dieci Settembre scorso passai lungo la Via Salarla oltre Fara Sabina e dopo un certo tempo entrai nella repubblica dell’Utopia, un paese placido giacente fuori della geografia presente [1]. Trovando gli abitanti piuttosto allegri, io domandai la causa della loro serenità e mi fu risposto che essa era dovuta alle loro leggi e al sistema d’istruzione…

Share
Continue Reading »

Valuta, Lavoro e Decadenze (prima parte)

L’antico Impero Romano cadde perché non difese la valuta lavoro, non difese la potenza d’acquisto del produttore di grano. La forza di Roma antica sorse con le leggi Liciniane e cominciò a decadere col «dumping» cioè con l’importazione del grano egiziano a basso prezzo. Il nome «romano» rimase fino a che un figlio di pastore bulgaro diventò imperatore. Oggi il…

Share
Continue Reading »

Lavoro e Comunità di Popolo

Estratto dell’intervento dell’Associazione Culturale Thule Italia alla Conferenza: “L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro? Crisi economica e nuove politiche per il lavoro” organizzata da Forza Nuova – Roma. Parlare oggi del binomio lavoro-comunità di popolo può apparire anacronistico se non fosse che noi rintracciamo proprio nel recupero di tale relazione una delle fondamenta sulle quali erigere una sana, vorremmo…

Share
Continue Reading »

La base del miracolo economico indiano

Proponiamo questo articolo, del giornalista Federico Rampini, che dovrebbe far riflettere sull’importanza di una chiara visione macroeconomica, scevra da superficialità o supponenza, necessaria per trovare soluzioni credibili alla decadenza del modello di lavoro e di sviluppo dell’Europa occidentale. IL POTERE DEI POVERI: UN ESERCITO STERMINATO CHE COMINCIA AD AVERE LA POSSIBILITÀ DI SPENDERE PER BENI DI PRIMA NECESSITA’ Nella recessione…

Share
Continue Reading »

Contro il dio denaro: il denaro e la ricchezza

Ultimo estratto dall’Uomo libero n°48 – dicembre 1999 “contro il dio denaro” – Metamorfosi degli strumenti economici dalla origini alla tirannide mondialista. IL DENARO E LA RICCHEZZA Così abituati al condizionamento costante del denaro – ogni cosa dipende dal denaro, tutto il tempo deve essere dedicato a lui, l’intera esistenza deve essere sacrificata per lui – può apparire naturale considerarlo…

Share
Continue Reading »

Contro il dio denaro: la trasformazione del denaro in promessa di pagamento e in denaro virtuale

Dall’Uomo libero n°48 – dicembre 1999 “contro il dio denaro” – Metamorfosi degli strumenti economici dalla origini alla tirannide mondialista. LA TRASFORMAZIONE DEL DENARO IN PROMESSA DI PAGAMENTO E IN DENARO VIRTUALE Dal momento in cui le banche cominciarono a stampare banconote in misura superiore alle proprie riserve auree ed argentee, il denaro perde ogni valore intrinseco e si configura…

Share
Continue Reading »

Contro il dio denaro: i valori calvinisti

Dall’Uomo libero n°48 – dicembre 1999 “contro il dio denaro” – Metamorfosi degli strumenti economici dalla origini alla tirannide mondialista. ?? I VALORI CALVINISTI Max Weber, con grande perizia, ci ha mostrato come si sia formato e sviluppato lo spirito del capitalismo moderno. Nasce col denaro, si forma nel commercio ed esplode all’interno della società come volontà di dominio, sovvertendo…

Share
Continue Reading »

Contro il dio denaro: le famiglie dei banchieri

Continua la pubblicazione di estratti da “l’Uomo libero” n°48 LE FAMIGLIE DEI BANCHIERI Elementi importanti della grande svolta settecentesca, oltre alla Rivoluzione industriale e al capitalismo, sono le famiglie dei banchieri internazionali. Le famiglie destinate a guidare le grandi concentrazioni bancarie internazionali sono ben note e le ritroviamo puntualmente, quasi sempre le stesse, in ogni fase della lunga scalata, dalla…

Share
Continue Reading »

Contro il dio denaro: la banconota e le banche

Continua la pubblicazione di estratti da “l’Uomo lbero” 48. LA BANCONOTA E LE BANCHE Il denaro cambia natura e cambia anche aspetto. Da moneta coniata in metallo prezioso o pregiato comincia a circolare sotto forma cartacea: lettera di cambio (documento di credito utilizzato dai mercanti), banconota, titolo, cambiale. «La lettera di cambio è ben documentata solo a partire dal Trecento….

Share
Continue Reading »

Contro il dio denaro: l’usura

Continua la pubblicazione dall’Uomo libero n°48 – dicembre 1999 “contro il dio denaro” – Metamorfosi degli strumenti economici dalla origini alla tirannide mondialista. paragrafo precedente: LA NASCITA DELLA MONETA *** L’USURA Usura è il sistema di produrre denaro attraverso il denaro. Un prestito a interesse. Nel corso dei secoli si è sempre cercato di individuare e stabilire un interesse «lecito»,…

Share
Continue Reading »

Contro il dio denaro: la nascita della moneta

Continua la pubblicazione dall’Uomo libero n°48 – dicembre 1999 “contro il dio denaro” – Metamorfosi degli strumenti economici dalla origini alla tirannide mondialista. paragrafo precedente: IL PLURALISMO DEI SISTEMI ECONOMICI *** LA NASCITA DELLA MONETA Il denaro nasce come mezzo per facilitare lo scambio dei beni. Esso, alla nascita, è dunque l’esatto contrario di quello che è oggi: originariamente, in…

Share
Continue Reading »

Contro il dio denaro

Iniziamo con oggi la pubblicazione di estratti dal numero 48 del “L’Uomo libero” dedicato alla “metamorfosi degli strumenti economici dalle origini alla tirannide mondialista”. L’esposizione semplice ma non banale e la vastità degli argomenti trattati dal Dott. Mario Consoli, riteniamo possano offrire al lettore numerosi spunti. Buona lettura. PS: facciamo notare che qui non sono state riportate le numerose e…

Share
Continue Reading »

L’avvenire del capitalismo

L’economia non è il nostro « destino ». Non esiste un sistema di leggi economiche indipendenti. Non abbiamo bisogno di attendere il comunismo per compiere il balzo dal regno della necessità a quello della libertà. Cioè: l’economia non è un processo naturale, ma è stata sempre, e sarà per l’avvenire, una creazione culturale determinata dalla libera decisione dell’umanità. Cosicché anche…

Share
Continue Reading »

Sabbia. I fondamenti della ripresa

httpv://www.youtube.com/watch?v=aIsP4wehgi0 Il nostro ultimo video documento basato sul debito pubblico ha necessità di un’introduzione e a ciò ottemperiamo con una spiegazione che riesce a non essere noiosa (l’economia per i non addetti ai lavori lo è) sebbene non sia farina del nostro sacco ma tratta dal portale “nonciclopedia”. Auguriamo buona visione e lettura. Il Debito pubblico, insieme ai celeberrimi silenzio…

Share
Continue Reading »

Un pò di finanza elementare

httpv://www.youtube.com/watch?v=TdClcqzKgCg Ogni cosa ha una sua origine semplice, basilare, elementare appunto. Ciò che oggi ci appare complesso ed incomprensibile, come la moderna finanza, dovrebbe essere contrasta per ciò che è in sè,  un furto mimetizzato, che deriva dal suo essere frutto dell’involuzione economicista del pensiero umano.

Share
Continue Reading »

Equilibrismi cinesi

L’inflazione sarà al centro delle discussioni della terza sessione plenaria dell’11° Congresso Nazionale del Popolo cinese (CNP) iniziato il 5 marzo 2010. Yin Zhongqin, vicepresidente del Comitato per gli Affari Economici e Finanziari del CNP, ha ammesso che nel mercato immobiliare cinese si è creata una preoccupante “bolla”. Sono numerosi i fattori che hanno portato all’attuale situazione: 1)      innanzitutto il…

Share
Continue Reading »

Valuta, Lavoro e Decadenze (Ezra Pound) – quinta parte ed ultima parte

Capitoli precedenti: parte prima, seconda, terza, quarta VERSO UN’ECONOMIA ORTOLOGICA da: «Rassegna Monetaria» XXXIV, 1937, 389-398 Il dubbio circa la natura dell’economia cosidetta «ortodossa», se dovesse considerarsi come tentativo sincero, può dirsi ormai superato da almeno 50 anni. Attualmente fra i seguaci dell’ortodossia non possono esserci che dei conigli, dei ciechi, o dei carrieristi in malafede. Chi indaga sinceramente non…

Share
Continue Reading »

Valuta, Lavoro e Decadenze (Ezra Pound) – quarta parte

Capitoli precedenti: parte prima, seconda, terza L’ECONOMIA ORTOLOGICA IL PROBLEMA CENTRALE In un precedente articolo si è accennato all’impossibilità di costituire, una scienza economica o di distinguere quella parte dell’economia che è prudenza, scaltrezza, perizia da quella parte che è o può essere scienza, senza prima definire chiaramente i termini basilari ed elementari e raggiungere l’accordo sulle definizioni stesse. Riassumiamo…

Share
Continue Reading »

Valuta, Lavoro e Decadenze (Ezra Pound) – terza parte

Capitoli precedenti: parte prima, seconda Capitoli successivi: parte quarta IL PERNO Tutto il commercio passa attraverso alla moneta. Tutta l’industria passa attraverso alla moneta. La moneta è il perno. È il mezzo termine. Sta nel mezzo fra industria e operai. Può darsi che l’uomo puramente economico non esista, ma il fattore economico, nel problema della vita, esiste. Vivendo di frasi,…

Share
Continue Reading »

Valuta, Lavoro e Decadenze (Ezra Pound) – seconda parte

Capitoli precedenti: parte prima Capitoli successivi: parte terza FOGLIO DI DISCIPLINA CIVICA Finché non hai chiarito il tuo pensiero dentro di te stesso, non puoi comunicarlo ad altri. Finché non hai messo de l’ordine dentro di te stesso, non puoi essere elemento d’ordine nel partito. Il fatto militare dipende dall’onestà del regime. Alla memoria di Aurelio Baisi LA MODA DELL’UTOPIA…

Share
Continue Reading »

Italia ventre molle

Mundell: «L’Italia minaccia l’euro più della Grecia» Non è la Grecia ma l’Italia «la maggior minaccia” all’Eurozona.» A sostenerlo è Robert Mundell, premio Nobel per l’economia nel 1999 in un’intervista concessa a Bloomberg Tv a New York. «Sarebbe molto difficile riuscire a salvare l’Italia – ha detto Mundell – Qualsiasi cosa si stia facendo per la Grecia e magari per…

Share
Continue Reading »

Valuta, Lavoro e Decadenze (Ezra Pound) – prima parte

Capitoli successivi: parte seconda L’antico Impero Romano cadde perché non difese la valuta lavoro, non difese la potenza d’acquisto del produttore di grano. La forza di Roma antica sorse con le leggi Liciniane e cominciò a decadere col «dumping» cioè con l’importazione del grano egiziano a basso prezzo. Il nome «romano» rimase fino a che un figlio di pastore bulgaro…

Share
Continue Reading »

Dentro Cnosso cosa c’è?

Atene chiama Goldman Sachs. E i derivati “cancellano” il debito… Conti in rosso ma non solo. La disastrata finanza pubblica greca si scopre anche poco trasparente, alla faccia delle regole condivise nell’Unione Europea. E’ la scoperta rivelata in questi giorni dal tedesco Der Spiegel, uno dei più autorevoli settimanali del Continente. La storia risalirebbe a otto anni fa e le…

Share
Continue Reading »

Cina/USA: così “lontani”, così “vicini”

Pechino fa muro contro Obama: «Cambio a livelli ragionevoli» Pechino respinge il nuovo affondo del presidente Usa Barack Obama che mercoledì aveva annunciato l’intenzione della sua amministrazione di diventare «molto più dura» con la Cina riguardo al problema degli interscambi commerciali e dell’inadeguata valutazione dello yuan. Il portavoce del ministero degli Esteri Ma Zhaoxu ha risposto oggi che lo yuan…

Share
Continue Reading »

Economia: (brutte) previsioni sotto l’albero

La Cina è metà della crescita ma teme la grande bolla La Cina contribuirà per oltre la metà della crescita del Pil mondiale nel 2009 e continuerà ad essere il motore dell’economia mondiale anche nei prossimi anni. Lo ha detto il vice governatore della Banca del popolo di Cina, Zhu Min. L’economia dovrebbe crescere almeno dell’8% quest’anno, secondo le stime,…

Share
Continue Reading »

La caduta dei castelli di sabbia

La bolla immobiliare di Dubai è esplosa con violenza. Sì, ma ce lo attendevamo da tempo,dalle prime timide avvisaglie di metà anno fino alle rumorose scosse di Settembre, quando giungevano notizie sempre più precise sulla difficoltà delle opere in cantiere, che stentavano a veder la luce,o a esser semplicemente ultimate. Beduini pacchiani e cafoni pensavano di poter simulare in eterno…

Share
Continue Reading »

Verso l’economia del fantastico!

La Cina batte gli Usa: primo mercato automobilistico al mondo Pechino (AsiaNews/Agenzie) – La Cina “è divenuto il primo mercato al mondo per l’industria dell’automobile. Le esportazioni sono ancora in un trend negativo, data la crisi finanziaria, ma il mercato interno è florido e diventa sempre più dinamico”. A dirlo è l’Associazione cinese dei produttori di autovetture, secondo cui “le…

Share
Continue Reading »

Disoccupazione

Disoccupazione: com’è nata di Massimo Fini Tutti i reggitori dei Paesi industrializzati dichiarano che l’economia mondiale è in sia pur lenta ripresa, ma che la disoccupazione aumenta in modo vertiginoso. Come l’economia possa essere in ripresa proprio mentre sta mettendo sul lastrico milioni di persone si spiega solo col fatto che l’economia di mercato non ha nulla a che fare…

Share
Continue Reading »

Vane Speranze

Usa: riparte la crescita (con qualche dubbio su Pechino) Secondo quanto reso noto ieri dal Dipartimento del Commercio americano, per la prima volta dal secondo trimestre del 2008 il prodotto interno lordo Usa riprende a crescere, del 3,5 per cento su base annua. Si tratta di un incremento un pò più alto delle previsioni operate da quegli analisti che si…

Share
Continue Reading »

La ripresa verrà, ma nulla sarà come prima

La ripresa verrà, ma nulla sarà come prima di Romano Prodi su Il Messaggero del 19 aprile 2009 Se si ragiona sui freddi dati bisogna necessariamente constatare che l’economia mondiale è ancora in recessione. Il suo tasso di sviluppo è ancora negativo, il commercio globale mostra anch’esso il segno meno e l’unico dato col segno positivo è purtroppo quello della…

Share
Continue Reading »

In autunno le imprese cadranno come foglie

L’assemblea degli imprenditori: qui chiuderanno 2mila ditte Varese e gli artigiani ribelli «L”autunno ci fa paura» Il malessere delle «partite Iva» in una delle zone più ricche d”Europa. «Il governo aiuta soltanto i soliti noti» JERAGO con ORAGO (Varese) – I Cen­to Giorni del conto alla rovescia sono co­minciati. In una calda serata di metà giu­gno capita che nel Varesotto…

Share
Continue Reading »

Ecco perchè la Fiat è stata scartata

Opel alla Magna: la vittoria di EuRussia di Orietta Moscatelli Angela Merkel preferiva la Fiat, ma alla fine è stata scelta Magna, in tandem con i russi di Sberbank e Gaz. Con una netta accelerata del negoziato politico nella corsa per Opel, la saga tedesca che Sergio Marchionne ha definito piuttosto “una soap opera brasiliana” è terminata sabato 30 maggio…

Share
Continue Reading »

Suini raffreddati o Manager suini?

Roubini: gli stress test «non sono seri», il sistema è «insolvente» – 28/04/2009 Gli stress test imposti dalle autorità alle 19 principali banche americane non sono stati abbastanza rigorosi… Il persistere della recessione e l”incremento della disoccupazione lasceranno il sistema finanziario degli Stati Uniti in uno stato di «insolvenza», il che implica che gli stress test imposti dalle autorità alle…

Share
Continue Reading »

Per chi crede che la crisi sia già finita

Roubini: sarà crisi ancora per due anni, la ripresa è ancora effimera – 03/04/2009 Nouriel Roubini, l”economista che per primo aveva previsto la crisi finanziaria globale, è tornato nei giorni scorsi a parlare della situazione finanziaria degli Stati Uniti… Nouriel Roubini, l”economista che per primo aveva previsto la crisi finanziaria globale, è tornato nei giorni scorsi a parlare della situazione…

Share
Continue Reading »

Brevi dalla crisi economica

Francia: Il Premier Fillon: “Nessun contribuente francese accatterebbe l”erogazione di aiuti pubblici per 6 miliardi di euro, a produttori che poi chiudessero gli impianti nel Paese”. (fonte RaiNews24) In definitiva il protezionismo “alla francese” viene negato in sede UE, ma poi ampiamente perorato in patria. Italia: Dazi e barriere penalizzeranno le imprese italiane più avanzate. Roma deve convincere i vertici…

Share
Continue Reading »

Pendagli da Forca

Richard Fuld ex CEO (Amministratore Delegato) di Lehman Brothers Compensi tra il 2006/2007 157 milioni di dollari La banca è fallita sotto il peso di 630 miliardi di debiti. James Cayne ex CEO di Bear Stearns Compensi 2005/2007 159 milioni di dollari La banca è stata assorbita da JP Morgan su pressioni del Governo americano Stan O”Neil ex CEO di…

Share
Continue Reading »

Crisi Economica: così parlò Emma

Emma Marcegaglia ha ancora negli occhi le immagini dell”inauguration day. «Bellissime, non le dimenticheremo». La presidente di Confindustria trova che vi sia stato qualche aggettivo di troppo. E retorica sparsa a piene mani. Di qua e di là dell”Atlantico. Ma non nasconde di aver provato l”emozione forte di assistere a un fatto storico, la dimostrazione teatrale che la politica è…

Share
Continue Reading »