Crimini alleati dimenticati: Garbagnate, 21 gennaio 1945

Garbagnate (Milano), 21 gennaio 1945

L’EROISMO DI UNA RAGAZZA FASCISTA SOTTO IL FUOCO AMERICANO.

Durante un attacco aereo dei cosiddetti “liberatori”, i passeggeri di un treno civile, che si era prontamente fermato, cercavano scampo nei prati lungo la linea ferroviaria. Una viaggiatrice, in stato di gravidanza, era caduta a terra e Angelina Milazzo, per proteggerla, la coprì con il proprio corpo facendole scudo. Nella scorreria dei mitragliatori, Angelina Milazzo fu colpita a morte e, così, sacrificando la propria vita salvò quella della viaggiatrice.

Motivazione della proposta del Comandante generale del S.A.F.

per il conferimento della Medaglia d’Oro al Valor Militare

alla memoria di Angelina Milazzo

“Abbandonava gli studi per arruolarsi nel SAF. Durante l’addestramento era d’esempio alle compagne per fede e disciplina. Assegnata al Comando SAF di Vicenza si meritava una citazione all’ordine del giorno per la capacità e lo spirito di iniziativa dimostrati nel portare a termine una difficile impresa. In viaggio di servizio, durante un mitragliamento aereo, sacrificava coscientemente la propria vita per salvare una gestante già ferita. Suggellava con l’offerta suprema la fulgida vita di volontaria. Garbagnate (Milano), 21 gennaio 1945″.


Share

Lascia un Commento