Il cinema della Repubblica Sociale Italiana 1943-1945

Dalla nostra emeroteca un interessantissimo articolo tratto da Storia del Novecento, giugno 2006 IL CINEMA DELLA REPUBBLICA SOCIALE ITALIANA 1943-1945 di Alberto Rosselli Nell’autunno del 1943, con lo scopo di ‘ricostruire’ la cinematografia italiana, il ministro della Cultura e Propaganda della neonata Repubblica Sociale Italiana, Fernando Mezzasoma, volle chiamare a raccolta registi, sceneggiatori, tecnici e attori, sollecitando un loro trasferimento…

Share
Continue Reading »

Socializzazione

Il decreto del Duce per la socializzazione delle imprese Le finalità del provvedimento: accompagnare l’azione delle armi con l’affermazione di un’idea politica, rivendicare la concezione mussoliniana di una più alta giustizia sociale e di una più equa distribuzione della ricchezza, contrapporre alia concezione del capitalismo di Stato la collaborazione del capitale e del lavoro alla vita dello Stato SOCIALIZZAZIONE IL…

Share
Continue Reading »

14-16 novembre 1943: manifesto di Verona

Premessa “Il primo rapporto nazionale del partito fascista repubblicano leva il pensiero ai caduti del fascismo repubblicano, sui fronti di guerra, nelle piazze delle città e dei borghi, nelle foibe dell’Istria e della Dalmazia, che si aggiungono alle schiere dei martiri della rivoluzione, alle falangi di tutti i morti per l’Italia; addita nella continuazione della guerra a fianco della Germania…

Share
Continue Reading »

Riunione del Consiglio dei Ministri del 27 ottobre 1943

Riunione del Consiglio dei Ministri del 27 ottobre 1943-XXI, sotto la presidenza del Duce dello Stato Nazionale Repubblicano d’Italia, Capo del Governo, con l’intervento di tutti i Ministri. Segretario il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. (La seduta si apre con la seguente dichiarazione del Capo del Governo non verbalizzata ma trasmessa alla stampa: DICHIARAZIONE DI MUSSOLINI…

Share
Continue Reading »

23 settembre 1943: il riscatto

Tratto dall’ottimo volume di Salvatore Francia, edito da Società Editrice Barbarossa “La Repubblica Sociale Italiana e il contesto internazionale”, 1989 Il riscatto Il 15 settembre Mussolini detta da Monaco le prime istruzioni, riassumendo la direzione del fascismo in Italia, e nominando Pavolini segretario del PNF, che dal 17 settembre assume la denominazione di Partito Fascista Repubblicano. L’antifascista Silvio Bertoldi dirà…

Share
Continue Reading »

16 settembre 1943

  – Si combatté accanitamente a Salerno e ad Eboli. – Cavaliero si suicida. – Infuria la battaglia anche sul fronte orientale. – Il Duce detta l’o.d.g. numero 6: “Completando gli ordini del giorno precedenti ho incaricato il Luogotenente Generale Renato Ricci del comando in capo di M.V.S.N.”

Share
Continue Reading »

15 settembre 1943

Il Duce detta da Monarco le prime istruzioni sintetizzate in cinque ordini del giorno: N.1) “Ai fedeli camerati in tutta Italia. Da oggi, 15 settembre 1943, assumo nuovamente la suprema direzione del Fascismo in Italia.” N.2) “ Nomino Alessandro Pavolini alla carica provvisoria di Segretario del P.N.F. che da oggi si chiamerà Partito Repubblicano Fascista”. N.3) “ Ordino che tutte…

Share
Continue Reading »

Cosa vogliamo

Della “damnatio memoriae”, ovvero la Storia, giudice degli eventi (di Antonio Bergamini, Gabriele Gruppo, Barbara Spadini) Con la seguente comunicazione, che arriva mesi dopo alcuni eventi: 1-    attribuzione della borsa di studio al Prof. Magg. Ferruccio Spadini in data 8 settembre 2011 da parte del Provveditore agli studi di Mn; 2-    attacco a Barbara Spadini, da parte degli ambienti della…

Share
Continue Reading »

L’inizio. Skorzeny racconta.

Un’operazione di commando da manuale senza la quale non sarebbe esistita alcuna Repubblica Sociale Italiana. Ciò vale a memoria di quanti oggi, anche tra chi mostra una qualche sorta di fascinazione per quei settecento giorni della R.S.I., sembrano voler dimenticare come il suo stesso inizio abbia un unico creatore: Adolf Hitler. L’azione di liberazione del Duce viene qui riproposta attraverso…

Share
Continue Reading »

I Giorni che contano

I Giorni che contano Il Giuramento dei militari nella Republica Sociale Italiana “Giuro di servire e difendere la Repubblica Sociale Italiana nelle sue istituzioni e nelle sue leggi, nel suo onore e nel suo territorio, in pace ed in guerra, fino al sacrificio supremo. Lo giuro dinanzi a Dio ed ai Caduti per l’Unità, l’Indipendenza e l’Avvenire della Patria” Alla…

Share
Continue Reading »

L’ultimo assalto

Premessa Nella notte, tra il 16 ed il 17 aprile 1945, ad una settimana dalla fine della guerra, il pilota Sergio Denti, affonda, da solo, un cacciatorpediniere francese. Questa è la sua storia. Dopo l’otto settembre 1943, com’è noto, migliaia d’italiani, spesso giovanissimi e volontari, hanno continuato a combattere, al fianco degli alleati tedeschi, nei reparti, regolari, costituiti sotto le…

Share
Continue Reading »

I soldati italiani visti da un tedesco

I SOLDATI ITALIANI VISTI DA UN TEDESCO del corrispondente di guerra Bruno Kaldor Tombe d’eroi che invitano alla meditazione (da “Signal” n. 2 del settembre 1943) A migliaia sono allineate lungo le rive del Bug, del Nipro, del Mius, del Donez e del Don, le tombe degli eroici caduti italiani. Nessuno può percorrere il lungo tratto che separa il Bug…

Share
Continue Reading »

All’insolito lettore di un sito insolito, alcune riflessioni, insolite anche quelle

Tra pochi giorni sarà recepito dalle scuole secondarie di secondo grado(ex scuole medie) del territorio mantovano il bando A.S. 2009-10 della borsa di studio al Professor e Maggiore Ferruccio Spadini, mio nonno. Tante sono le borse di studio di analogo importo (e parlo di euro) ed identiche finalità educative che circolano nelle scuole della Pianura Padana, ma ce n’è una…

Share
Continue Reading »