«L’Adorazione degli Antenati»

Ed ecco la seconda delle due uscite previste per fine mese di novembre/inizi di dicembre: L’ADORAZIONE DEGLI ANTENATI con un saggio del Prof. Walther Wüst edito dalla Ahnenerbe Per maggiori informazioni potete come sempre guardare al portale della Thule Italia Editrice, ove sarà possibile anche procedere con l’acquisto: QUI Il libro è altresì già presente su: eBay: QUI e su…

Share
Continue Reading »

Focus Patrius: metafisica e metapolitica del culto italico del Fuoco (ultima parte)

Viene quindi in tal modo suggellata la sacralità della traditio del sacro Fuoco di Vesta, da Troia alla futura Città. Ma vi è di più: Ettore invita Enea a pren­dere con sé i Penati, ma egli stesso, come si è visto, preleva il Fuoco Eterno dai sacri penetrali, « aeternum adytis effert pe- netralibus ignem » (II, 297). Infatti, poco…

Share
Continue Reading »

Focus Patrius: metafisica e metapolitica del culto italico del Fuoco (prima parte)

Nei giorni del torbido rimestare mediatico nel letamaio della politica democratica, dedichiamo questo contributo alla più pura radice della nostra Patria. Pro aris et focis In questa esposizione non mi propongo di fornire informa­zioni in genere sul Fuoco nel culto pubblico e privato in Roma, peraltro facilmente reperibili in ogni trattato o manuale di re­ligione romana. Mi riservo invece, piuttosto,…

Share
Continue Reading »

La caduta dell’idea di Stato (ultima parte)

Sotto tale riguardo, l’avvento al potere di una casta semplicemente sacerdotale esprime o una rinuncia dall’alto, o una usurpazione dal basso, o l’una e l’altra cosa insieme, e caratterizza il primo tratto di un arco discendente. Inutile dire, che qui ci troviamo di fronte ad un fenomeno relativamente re­cente. Lo stesso primato che in India guadagnò la casta sacerdotale brahmana…

Share
Continue Reading »

La caduta dell’idea di Stato (prima parte)

di Julius Evola Per potere studiare non nei suoi aspetti esteriori e consequenziali, bensì nelle sue cause profonde e in tutta la sua portata, il processo di caduta che ha subito nei tempi ultimi l’idea di Stato, ci è d’uopo prender per punto di riferimento una Visione generale della storia che ha per centro la constatazione di un fenomeno fondamentale:…

Share
Continue Reading »

Mircea Eliade: La concezione della libertà nel pensiero indiano (ultima parte)

Nella maggioranza dei casi, l’”inferno” è il prolungamento di una vita larvale (in Grecia antica: anime senza memoria, ombre private della gloria, come ci mostra il canto XI dell’Odissea) o di una vita “carnale” di terribile sofferenza (la “sete” delle anime dei morti nelle religioni babilonese, egiziana, ebraica, ecc.; i tormenti sofferti dai peccatori nell’inferno cristiano, anime dunque che hanno…

Share
Continue Reading »

Mircea Eliade: La concezione della libertà nel pensiero indiano (prima parte)

Per il pensiero indiano l’ignoranza è “creatrice”. Nella terminolo­gia delle due principali scuole vedantiche si potrebbe dire che il mondo è una creazione soggettiva dell’incosciente umano (ajhàna; cfr. Gaudapadìya, II, 12, Vedànta-sydclhànta-mucktàvalì, 9, 10), oppure è la proiezione cosmologica di Brahman, la “grande illusione” {maya),  a cui la nostra ignoranza accorda realtà ontologica e validità logica (cfr. Sankaràchàrya, Sàrìrakabhàsya, I,…

Share
Continue Reading »